DSC_0462       DSC_0474       DSC_0454

Il PTP è il primo parco tecnologico italiano che opera nei settori dell’agroalimentare, della bioeconomia e delle scienze della vita. Le attività del Parco si articolano attorno a tre elementi cardine: Ricerca, Impresa, Servizi. Attraverso i suoi programmi di ricerca applicata e le sue core facilities (piattaforme avanzate di alta tecnologia), offre servizi alle aziende che vedono nell’innovazione uno strumento di competitività. Supporta inoltre la nascita di nuove realtà imprenditoriali con l’Acceleratore di impresa Alimenta. Ricerca, Impresa, Servizi sono gli strumenti con cui il PTP promuove una innovazione sostenibile che parte dalla valorizzazione della tradizione agroalimentare e industriale italiana.

Ricerca:
Il PTP, con i suoi 70 ricercatori, ha gestito oltre 90 progetti di ricerca negli ultimi anni, tra cui 11 progetti di sequenziamento del DNA delle principali specie di interesse agro-zootecnico per l’Italia (dal suino al bovino, dalla vite al melo), pubblicando più di 300 lavori scientifici su riviste peer-review e raccogliendo più di 25 milioni di euro attraverso bandi nazionali e internazionali, e collaborando con oltre 500 istituzioni in 44 paesi.

Impresa:
L’Acceleratore di Impresa del PTP, Alimenta offre spazi attrezzati, laboratori e tutto ciò che serve in termini di persone, strumenti e competente per la trasformazione di nuove idee di business in impresa. Ad oggi Alimenta, attivo dal 2007, ha supportato la nascita e la crescita di 32 start up, aiutandole a raccogliere più di 26 milioni di euro di capitale.

Servizi:
Il PTP, grazie alle sue Core Facilities, piattaforme tecnologiche di ultima generazione, offre a istituzioni e imprese servizi che spaziano dalla tracciabilità alla sicurezza alimentare, dal miglioramento genetico alle agro-energie, dalla diagnostica molecolare alle nuove frontiere della nutrigenonica e della medicina traslazionale. Il PTP dispone di un portafoglio clienti di oltre 100 realtà che comprendono PMI innovative e grandi aziende del Made in Italy, è inoltre mandatario di CATAL, il Cluster Alta Tecnologia Agrofood Lombardia riconosciuto da Regione Lombardia, interlocutore sulle politiche per l’innovazione in Italia e a Bruxelles.